Close

antoniolupi - SALONE DEL MOBILE2018

per scaricare le immagini ad alta risoluzione occorre essere Registrati ora o avere effettuato il Login
Dettagli azienda
Via Mazzini, 73/75
50050 Stabbia - Cerreto Guidi (FI) - Italy
Tel. +39.0571.586881_95651
Fax +39.0571.586885
Il 2018 è un anno importante per antoniolupi, che ha calcato con grande successo il palco delle più importanti fiere internazionali di design e architettura già nel primo semestre, si presenta a Milano con il completo restyling della propria immagine e con il lancio di più di venti novità tra prodotti e sistemi per il bagno.

Gli Architetti Calvi Brambilla hanno collaborato con antoniolupi a progettare lo showroom e lo stand al Salone, in entrambe le location ridisegnando la scatola architettonica, con un intervento che si è concentrato principalmente sulla parte alta dello spazio, sui soffitti, senza però distogliere l’attenzione dai prodotti e dalla sequenza scenografica in cui sono presentati.

Al Salone antoniolupi presenta: lavabi, specchi, mobili, soffioni, vasche e accessori contraddistinti da una grande eleganza, da tanta innovazione e molta ricerca in materiali innovativi; Cristalmood è la nuova resina trasparente in diverse varianti colori studiata e brevettata da antoniolupi con la quale sono presentati i lavabi Albume di Carlo Colombo e la vasca Reflex di AL studio. Una resina che ricorda l’aspetto del vetro ma ha la resistenza delle resine solid surfaces.

Specchiarsi dentro un’immagine, in un quadro tridimensionale questa è la collezione di specchi Collage, grazie ad una sovrapposizione strati di lastre in vetro stampate (Luca Galofaro).

La collezione di mobili Atelier, personalizzabili dal cliente, che può scegliere di comporre il mobile con la maniglia che preferisce. Cambiando un semplice accessorio, il mobile cambia notevolmente la sua fisionomia (Mario Ferrarini).

Il lavabo Intreccio, un cesto per l’acqua leggero ed elegante di un materiale prezioso come il marmo. La forma del lavabo ricorda quella dei cesti di vimini con i loro intrecci virtuosi, ma il risultato estetico finale deriva dal rapporto tra le caratteristiche del materiale, il processo di lavorazione e la volontà di limitare al massimo l’uso di materia prima (Paolo Ulian).

Il rubinetto Indigo, come un piccolo colibrì si posa sulla superficie del lavabo (Nevio Tellatin) e il soffione Lumen, un elemento inglobato nel soffitto che sposa acqua e luce armonicamente (Marco Pisati).