Close

antoniolupi - SPECCHI COLLAGE - design Luca Galofaro

per scaricare le immagini ad alta risoluzione occorre essere Registrati ora o avere effettuato il Login
Dettagli azienda
Via Mazzini, 73/75
50050 Stabbia - Cerreto Guidi (FI) - Italy
Tel. +39.0571.586881_95651
Fax +39.0571.586885
La collezione di ventuno specchi COLLAGE, lanciata con successo lo scorso anno al Salone del Mobile, si arricchisce adesso di nuovi altri ventitre elementi che ampliano la gamma grazie ad una ricerca sull’immagine del disegno di architettura, sul colore e sulle dimensioni .

Colore, Disegni, e Dimensioni - L’update 2019 della collezione è pensato attraverso la presentazione di nuove dimensioni, disegni e soprattutto di colori. Proprio quest’ultimo (il colore), fil-rouge che caratterizza molti degli elementi del Salone 2019, diventa la modalità attraverso la quale lo specchio esalta l’immagine.
Disegni, che superano la mera architettura per andare a contaminarsi con figure antropomorfe.
Dimensioni, due grandi nuovi formati rettangolari per diventare protagonisti della decorazione: 100X200 cm e 60x180 cm.

Nella collezione Collage lo specchio è al tempo stesso un’opera d’arte e un oggetto con la sua funzione intrinseca. L’oggetto specchio supera la sua funzione primaria e si trasforma ancora una volta in uno spazio poetico di relazione, che dialoga con il mondo degli oggetti dell’antoniolupi.
La collezione Collage è disegnata da Luca Garofalo, Architetto e Professore, da tempo ha concentrato una parte della sua riflessione sulle relazioni esistenti fra rappresentazione, architettura urbana ed immagine.

Galofaro 'contamina' con la propria vision gli specchi antoniolupi, trasferendo un’immagine di architettura sullo specchio. Un ponte tra l’immaginazione che domina l'arte e la vita che è solitamente dominata dalla funzione che l'oggetto ha.


Tecnica:
Gli specchi sono realizzati attraverso una stratificazione di lastre di vetro stampato, che sovrapponendosi creano l’immagine tridimensionale; sull’ultimo strato lo specchio definisce una relazione con l'osservatore che entra nell'immagine. Una vera e propria sovrapposizione di frammenti, dove l'immagine nasce come stratificazione di immagini e di colori.