Close

Donia Maaoui Boucquillon in mostra a ART WYNWOOD - MIAMI

per scaricare le immagini ad alta risoluzione occorre essere Registrati ora o avere effettuato il Login

La galleria Vogelsang Gallery ospita DONIA MAAOUI in occasione della fiera ART WYNWOOD a Miami dal 11 al 14 febbraio 2016.

Sono esposte 4 opere della scultrice internazionele di adozione toscana, che ben rappresentano le qualità artistiche della scultrice.
- ” Integration” di 1,50m
- “Equality “ di 50cm
- “Liberation” di 60cm
- “Supplication” di 76cm

Denominatore comune a tutte le sculture è la materia, sono tutte in bronzo patino bianco per esterno.
Il bianco rapresenta la sperenza!


Il proprietario della Galleria Grégoire Vogelsang è  giovane e ambizioso, ha origini belga con sede a Bruxelles e New York
Vogelsang partecipa solo a fiere internationali piu importanti nel mondo.


website: http://www.vogelsanggallery.com/



Filosofia e storia della protagonoista della scultura:

Lola vive dentro una gabbia dorata dalla quale non trova la forza di uscire, ma un giorno riesce a dare seguito al proprio istinto e, rincorrendo il sogno di una vita, fugge in Occidente per ricrearsi un’esistenza pertinente al proprio essere. Lola scappa, grida, corre, si nutre dei propri desideri, ascolta la voce della propria anima, riscopre il piacere del colloquio libero con la sua mente, getta la maschera, si toglie il velo e vola libera verso la luce della luna che sembra indicarle la via della libertà.

Lola è finalmente felice, adesso respira a pieni polmoni, pensa in modo universale, progetta ogni istante della propria quotidianità senza doversi reprimere. Lola sorride con gli occhi, viola ogni serratura della propria prigione ovattata, rompe ogni barriera che le impediva di condividere le emozioni vere, deflagra ogni parete che le sbarrava il passo per riappropriarsi del proprio apparato sensoriale.

Adesso Lola vive, ma si trova immersa in una realtà opposta, in una libertà eccessiva e sregolata che esalta il consumo delle cose futili e i contenitori sui contenuti. La società occidentale impone a Lola codici estetici per farsi accettare e lei, dimenticando i sacrifici fatti per liberarsi dalla precedente reclusione, senza rendersene conto, stordita dagli abbagli di una bellezza ad ogni costo, trasforma il proprio corpo con la chirurgia estetica perdendo la naturale fisionomia e smarrendo, nuovamente, il proprio essere.

Lola è passata da una prigione ad un’altra prigione e questa volta, probabilmente, sarà ancora più difficile uscirne.

Maurizio Vanni
Museologo e critica d'arte