Close

Jove_Recupero Barambana

per scaricare le immagini ad alta risoluzione occorre essere Registrati ora o avere effettuato il Login
Dettagli azienda

Jove Srl
via Primo Maggio, 8
Loc. Piazza – 43030 Basilicanova (PR)
Tel: 0521 683053
info@jove.it

 

Con il legno di Jove lo storico locale Barambana trova una seconda vita nel progetto di recupero degli spazi originari

Ci troviamo a Storo, nella Valle del Chiese, vallata che appartiene al Trentino meno battuto dal turismo: qui alla foce del fiume Chiese incontriamo valli incontaminate, castelli medievali, architetture austro-ungariche, bellissimi laghi e luoghi incontaminati. Una valle che è crocevia di cultura e di tradizione e offre sia in estate che in inverno tante attività piacevoli.
Qui Jove ha partecipato al recupero architettonico di un edificio ben conosciuto che negli anni 80’ e 90’ era una discoteca molto frequentata, ma che necessitava di un consistente rinnovamento funzionale alla nuova destinazione e coerente col paesaggio circostante ed i luoghi.

In un momento di rilancio dell’offerta turistica da parte di tutta la valle, l’iniziativa dei fratelli Berardi, imprenditori della ristorazione con alle spalle una lunga esperienza, giunge come una ulteriore leva utile alla ripresa. Il progetto di rinnovamento prevedeva un ampliamento del piano terra della costruzione destinato al bar/ristorante ed il ripristino dei 3 piani adibiti ad hotel.
Il recupero doveva necessariamente tenere conto della normativa vigente, dell’impatto ambientale e doveva mantenere una propria dignità architettonica. Questo del vecchio ‘Barambana’ è un edificio radicato nel territorio che per il rilancio richiedeva una soluzione architettonica interessante ed ‘economica’.
Jove si è rivelato un partner importantissimo alla riuscita di questo progetto che è stato realizzato in tempi brevissimi e con un budget contenuto: l’utilizzo del legno Jove nel progetto di recupero e di ampliamento del vecchio edificio ha consentito di integrare alla perfezione la costruzione nel paesaggio montano, mantenendo nelle parti una immagine pulita e moderna.
La particolarità di questo edificio è caratterizzato dal corpo basso, completamente realizzato in prefabbricato di legno che va ad aggiungersi al vecchio albergo. Un volume moderno realizzato con un rivestimento in legno tipico delle zone (larice siberiano), appoggiato ai piedi dell’ex-Barambana, che Jove ha fornito e sviluppato ad hoc fino alla sua applicazione.

Le caratteristiche di questo progetto sono più nella storia “personale e profonda” dei Titolari che nella costruzione che si racconta da sola guardandola Una caratteristica, non secondaria, lo sono stati i tempi di realizzazione: velocissimi.
Solo 3 mesi per la completa ristrutturazione e la nuova costruzione IN AMPLIAMENTO, uno di quei “miracoli” possibili grazie ad una squadra affiatata e ben diretta dai bravi Progettisti e Direttore Lavori, Architetto Andrea FRISULLO e Architetto Cristiano ZOMER. Un ristorante ed un hotel con una capienza importante come il nuovo BARAMBANA ricomincia così una seconda vita.
Il legno si riconferma come un materiale naturale e sostenibile grazie al quale l’Architettura trova soluzione moderne e originali.

Un progetto innovativo e ‘sostenibile’
Il progetto nasce dalla volontà di ridare luce e carattere ad una struttura, ormai fatiscente, che è stato un simbolo negli anni '80-'90.
La richiesta della committenza è stata quella di ampliare il piano terra per ricavare un Ristorante da 200 persone, con annessi spazi e cucina, una pizzeria e un bar; al piano primo realizzare un "Room&Breakfast" da 8 camere da letto e sistemare le facciate dell'edificio.
  • L’elemento innovativo che caratterizza questo progetto riguarda la tipologia di intervento, le tempistiche di realizzo e il team eterogeneo. Abbiamo lavorato per creare una struttura mista:
    ristrutturazione totale di 3 piani di edificio (completo di rifacimento solai interni) per una superficie di circa 750mq
  • ampliamento di 250mq, anti-sismico in legno che garantisce all’intera struttura un elevato comfort abitativo
  • ristrutturazione delle facciate e sistemazioni esterne
  • arredamento e finiture interne
Il lavoro è stato realizzato in soli 3 mesi durante i quali il cantiere è rimasto attivo costantemente, vedendo collaborare ditte e squadre molto diverse tra loro, ma guidate da un unico obiettivo. Il progetto è stato studiato in ogni singolo dettaglio, dall’architettura dello spazio, passando per un accurato studio di interior design, fino a progettare e realizzare in tempi record una nuova maniglia “custom made” pensata come simbolo di uguaglianza, per poter essere usata da tutti (disabili, uomini, donne, bambini e anziani) nella maniera più comoda e adatta alle proprie esigenze.
Il tutto con un budget molto limitato.

1. Il ristorante è stato caratterizzato con un aggetto, rivestito esternamente in doghe di legno con orditura orizzontale. Grande importanza è stata data agli assi prospettici, le grandi finestre a nastro permettono di inquadrare e incorniciare dall'interno il paesaggio, come se fosse una cartolina. Internamente il locale risulta estremamente pulito e moderno. La scelta del bianco latte per gli interni è dovuta al fatto di far risaltare i giochi di volume e di luci creati tramite controsoffitti, pilastri e pareti.
L'intera struttura è stata studiata per non avere pareti perpendicolari a 90° al fine di ottenere una migliore dispersione dell'onda acustica.
2. Il bar è caratterizzato da un aggetto inclinato, rivestito esternamente con doghe in legno ad orditura verticale per enfatizzarne l'altezza, che richiama l'idea di una vela (riferimento al locale "Il Veliero" che il committente gestiva prima del Barambana). Un grande finestrone permette una permeabilità visiva e luminosa completa.
3. Il "Room&Breakfast" al piano primo è caratterizzato da una scala esterna studiata e disegnata nei dettagli. La scala è stata progettata con un alto separet di circa 6 metri composto da circa 50 travetti verticali di 16x10cm distanziati uno dall'altro di circa 10cm. I travetti dispari a tutta altezza segnano il volume di ingombro, i travetti pari invece sono stati tagliati seguendo lo skyline della montagna frontale al locale, nonchè simbolo del paese. Il passo dei travetti crea un doppio gioco di luci e ombre, frontalmente è chiaramente visibile lo skyline della montagna e il passo di ogni elemento, posizionandosi lateralmente sembra invece un muro continuo contaddistinto da dei "chiaro-scuri" (effetto ringhiera).
Nelle ore serali, grazie ad un attento studio illuminotecnico, le strisce di luce posizionate perpendicolarmente creano dei fasci luminosi a terra e un'atmosfera teatrale. La scala è stata pensata essa stessa come oggetto di design innovativo e unico, risulta molto leggera, con 3 soli appoggi a terra, strutturata con intelaiatura in acciaio e gradini in legno tek, spessore totale 2cm.

Scheda Sintetica Progettuale
COMMITTENTE CICS-BARAMBANA
CANTIERE STORO – VIA VALLE DEL CHIESE (TN)
PROGETTISTI
E DIREZIONE LAVORI ARCHITETTO ANDREA FRISULLO
ARCHITETTO CRISTIANO ZOMER
STILE RESTYLING MODERNO
TIPO EDIFICIO TURISTICO – ALBERGHIERO
CATEGORIA HOTEL – RISTORANTE
PIANI E SUPERFICIE 1P + TERRAZZA - MQ 316 + 237
SISTEMA COSTRUTTIVO PARETI X-LAM – SOLAI LLA – SCALA CM+LML + RIV.TI LARICE SIBERIANO
FOTO LUCA BOSSI