Close

TRALERIGHE || la carta da parati antoniolupi

per scaricare le immagini ad alta risoluzione occorre essere Registrati ora o avere effettuato il Login
Dettagli azienda
Via Mazzini, 73/75
50050 Stabbia - Cerreto Guidi (FI) - Italy
Tel. +39.0571.586881_95651
Fax +39.0571.586885

TRALERIGHE è la prima collezione di carte da parati prodotta da antoniolupi e si colloca all’interno dell’omonimo ‘grande contenitore’ ideato da Gumdesign TRA LE RIGHE, e comprensivo dei già noti lavabi Bolgheri e Gessati.


La carta da parati è una nuova ulteriore sfida accolta da antoniolupi ed è una collezione che completa perfettamente il progetto bagno nella sua globalità. Il fil rouge che lega tutte le proposte del concept sono appunto le geometrie e i colori; in Bolgheri i colori sono caldi e intensi, ma non sono riconducibili a un codice o pantone preciso, sono una sfumatura. All’opposto nelle altre proposte di questo grande contenitore è il contrasto tra il BIANCO caldo ovattato e il NERO che crea luce e che parla con la sua intensità.

I disegni della collezione di carte da parati TRALERIGHE sono studiati su un algoritmo matematico: rette orizzontali, verticali e oblique si intersecano come se fossero vive ed in continuo movimento dialogando tra loro; in modo tale che il risultato ottico non sia di chiusura in una gabbia grafica prestabilita, bensì di apertura, disegnando lo spazio.

I moduli di 45 cm per lato si accostano liberamente creando infiniti disegni ritmati e liberi. Lo spazio incorpora il movimento che viene dato dalle righe ed è pronto ad accogliere, come un pentagramma accoglie le note.

Le righe di solo 1 millimetro di spessore hanno la capacità di comunicare razionalità ed ordine eppure il loro accostamento crea emozione. Per paradosso le linee trasmettono una assenza di confini.

La collezione è composta da 13 disegni disponibili in positivo e negativo.

 

Sottili linee tracciate generano una rete – sintetizzanoi designer Gabriele Pardi e Laura Fiaschi di Gumdesign - Un filtro alla frenesia del giorno per fermarsi e osservare oltre. Oltrepassare la superficie per immergersi negli aspetti invisibili del quotidiano”.